mercoledì 30 ottobre 2013

Cent'anni di solitudine di Gabriel Garcia Marquez

Copertina di Cent'anni di solitudine

Bellissimo a distanza di tempo
Quando ho letto questo capolavoro ero ancora una lettrice molto acerba e non avvezza ad un certo tipo di letteratura.
All'inizio ho faticato a leggerlo, soprattutto per i nomi che si ripetevano nelle generazioni creandomi non poca difficoltà, però, ogni volta che lo aprivo venivo affascinata dai personaggi sicuramente fuori dal comune... A metà libro mi  sono affezionata a Macondo, alla sua gente stramba, alle vicende surreali...
Credo sia un libro da rileggere e riassaporare a distanza di tempo, credo che se lo affrontassi adesso ne trarrei un piacere maggiore, lo apprezzo ora nel ricordo e alla luce di altri libri che ho letto dello stesso autore.
Non è il mio romanzo preferito di Gabo, ma è di sicuro una lettura che non dovrebbe mancare nella vita di una persona.


Posta un commento