martedì 13 agosto 2013

L'incontro di Michela Murgia

Copertina di L'incontro

Si e no
Il pregio fondamentale di questo libro è quello di essere ambientato nel periodo in cui ero ragazzina e l'avermi riportato alla mente episodi curiosi, come l'essermi travestita da Capitan Harlock a scuola e di essere salita su una sedia sguainando una finta spada. La storia in sè non ha nulla di eccezionale e forse non vuole neanche averlo, una cosa è certa, l'ho trovata pallida rispetto alla genialità di Accabadora. L'uso della lingua italiana da parte della Murgia è superlativo, fa un uso chirurgico delle parole riuscendo a riportare in modo vivido situazioni e vicende. La nota dolente del libro è arrivata presto però, almeno per la mia sensibilità personale. La violenza sugli animali è per me una cosa insopportabile, perfino letta in un libro, e tutta la storia delle "pantegane" è stata motivo di sofferenza e rabbia, lo è stata talmente tanto da farmi perdere il gusto allo stile letterario e facendomi saltare vari passaggi fino alla fine del capitolo.
In varie recensioni ho letto critiche alla brevità del racconto, in effetti è cortino...ma se mi fosse piaciuto veramente tanto non ci avrei badato...certo, per un così e così aver speso 10 euro per acquistarlo un po' mi pesa...
Posta un commento